frankgallucci mmfw2016
#MMFW June 2016 day 2
7 settembre 2016
frankgallucci nike
Milan 3.0
12 settembre 2016
danielcraig frankgallucci

 

SPECTRE è l’ultimo capitolo della celeberrima serie dedicata all’agente segreto più famoso e cool del mondo. Questa volta, Bond si troverà a fronteggiare da solo una potente organizzazione criminale, comandata da un acerrimo rivale, il cui passato è legato a quello di Bond stesso. Scopriamo insieme quali sono gli outfit più iconici e a cui ispirarsi, per sentirci anche noi un pò 007.

Così come per i precedenti capitoli Quantum of Solace e Skyfall, anche in SPECTRE il guardaroba di James Bond, alias Daniel Craig, è stato curato dallo stilista texano Tom Ford. In perfetto stile 007, i capi disegnati da Tom Ford sono dei classici senza tempo, ma con tagli contemporanei e confezionati con tessuti ricercati. Come da tradizione, l’avvincente trama del film si sviluppa in svariate località in giro per il mondo e per ogni location, che sia un funerale a Roma o un avvincente inseguimento fra le nevi austriache, Bond sfoggia un outfit che lo rende impeccabile in ogni situazione.

 

Città del Messico

La scena di apertura del film, vede Bond impegnato in una caccia all’uomo ambientata a Città del Messico, durante la festa del “Día de Muertos”. Per questo motivo, prima di rivelarsi a noi, Bond indossa un costume tipico da scheletro, ma è sotto quest’ultimo che si cela il nostro primo outfit, ovvero un abito blu “O’Connor” di Tom Ford, dalla delicata fantasia finestrata. L’abito è confezionato in Italia in pura lana ed è un monopetto due bottoni con tasche a flap leggermente inclinate, con revers classici e spacco singolo nella parte posteriore. I pantaloni sono senza pences, ma con side adjusters laterali e terminano con una apertura sul fondo da 19 cm. Questo abito risulta essere ideale sia per l’ufficio che per la sera, abbinato ad una camicia bianca immacolata e ad una cravatta dai toni del blu o del bordeaux.

danielcraig frankgallucci

 

Roma

Successivamente, Bond presenzia al funerale dell’uomo ucciso a Città del Messico, indossando un outfit tanto austero quanto di classe. Durante la cerimonia, a farsi notare sono gli occhiali da sole “Snowdon” di Tom ford in acetato scuro e il cappotto doppiopetto ad otto bottoni in lana pettinata nera, che termina all’altezza del ginocchio. Nelle scene immediatamente successive, Bond seduce la vedova del criminale ucciso, interpretata dalla sempre sensuale Monica Bellucci, indossando un completo tre pezzi di Tom Ford nel celebre taglio “Windsor”. Tale taglio, è certamente il più iconico di quelli creati dal designer di Austin, la cui giacca presenta una chiusura monopetto a due bottoni, spalle fortemente strutturate, ampi revers a lancia e tasche a flap dritte con ticket pocket sul lato destro. Il gilet ha un taglio molto formale, con chiusura a sei bottoni e quattro tasche a barchetta. I pantaloni di questo completo sono senza pences, con side adjuster laterali e con un fondo meno modaiolo da 21 cm, portato senza risvolto per via della formalità dell’evento a cui Bond deve partecipare. A completare l’outfit, una meravigliosa camicia bianca con collo chiuso da una spilla e con polsini da cocktail, che rimandano alle mitiche camicie usate dal primo e indimenticabile Bond interpretato da Sean Connery, cravatta nera in tono su tono e stivaletti doppia fibbia neri modello Camberley di Crockett & Jones.

bond e bellucci

cappotto craig

 

Austria

Dopo quanto scoperto a Roma, Bond si reca in Austria alla ricerca di un vecchio nemico, Mr. White. Questi, prima di suicidarsi, fa promettere a Bond di proteggere sua figlia, la psicologa Madeleine Swann, interpretata dall’incantevole Léa Seydoux. Poco dopo aver conosciuto Madeleine, James si trova subito costretto a proteggerla da un attacco di uomini inviati da Franz Oberhauser, il capo dell’organizzazione criminale chiamata Spectre, dando vita ad uno spettacolare inseguimento sulle nevi. Durante tale inseguimento, Craig indossa uno degli outfit informali più iconici della storia della saga di 007, disegnato da Tom Ford e composto da una giacca bomber con zip frontale e pantaloni da sci a doppia pence rovesciata. La bomber jacket è stata realizzata in Italia e presenta un davanti con imbottitura in tessuto tecnico con collo alto e maniche in lana, mentre i pantaloni ricalcano le linee dei pantaloni da sci degli anni 30, con volumi generosi e vita più alta. Il look viene completato con dei pratici ma altamente eleganti stivaletti da neve Mountain Light II 5 della americana Danner e occhiali da sole vintage firmati Vuarnet.

spectre jamesbond

 

vuarnetsunglasse

 

 

Marocco

L’avventura di Bond e Madeleine prosegue a Tangeri, dove in una stanza dell’hotel L’Americain, trovano una mappa che li conduce ad una base segreta nel mezzo del deserto. Per raggiungere tale location, Bond e la dottoressa Swann effettuano un movimentato viaggio in treno, durante il quale Bond sarà costretto ad affrontare un’ultima volta Hinx, uno degli assassini della Spectre, che verrà sconfitto anche grazie all’aiuto di Madeleine. Poco prima che Hinx dia vita allo scontro fisico con Bond, abbiamo il piacere di ammirare i due outfit impeccabili, con cui Bond e la dottoressa Swann si presentano nel vagone ristorante: il look di Bond è composto da una raffinata dinner jacket bianca a due bottoni in blend di seta, con revers a lancia e spalle strutturate, una camicia bianca classica con polso gemello e pantaloni neri da sera modello O’Connor di Tom Ford. Ad adornare la giacca ci pensa un garofano rosso, che richiama ad un look molto simile già indossato da Sean Connery in Goldfinger, mentre al polso Craig sfoggia l’edizione limitata dell’Omega Seamaster 300. La dottoressa Swann, invece, indossa un elegante abito da sera color verde acqua firmato Ghost, una casa di moda inglese fondata nel 1984, orecchini in argento e Swarovski di David Deyong e sandali modello Ivette del leggendario Jimmy Choo. Una volta terminato il viaggio in treno, James e Madeleine raggiungono la base della Spectre, situata in un enorme cratere meteoritico. Qui, Bond si presenta con un outfit basato sui toni del marrone, firmato Brunello Cucinelli, tanto casual quanto impeccabile. Il look è composto da una giacca destrutturata in lana, lino e seta, con tre bottoni stirati a due, tasche inclinate e spalle svuotate dal rilassato aspetto napoletano. Abbinati alla giacca, ma di un marrone leggermente più chiaro, i chinos in cotone dalla vita bassa e portati da Craig con il fondo stretto e risvoltato, per un effetto più informale. Anche la cintura è di Brunello Cucinelli, mentre la cravatta in maglia di seta e la camicia con polsini da cocktail sono di Tom Ford, così come gli occhiali da sole modello Henry. Ai piedi, infine, Craig indossa stivaletti in suede, modello Kenton di J.Crew.

 spectre

James-Bond-Brown-Suit

 

A cura di Francesco Tarabuzzi