Nel cuore di Dubai
26 dicembre 2015
frankgallucci
Cena finale con il team!!!
29 dicembre 2015

  • Large photos
  • Small photos

Il 19 Novembre alla ” Haute Future Fashion Academy” a Milano si è tenuto un seminario al quale ho presenziato nelle vesti di ospite.  L’HFFA, sita in una splendida cornice nel cuore pulsante di Milano, nasce nel 2011 e propone una formazione vastissima e dettagliatissima con il compito di creare una nuova generazione di professionisti non solo nell’ambito creativo ma anche nell’ambito manageriale.  Ma per avere una totale percezione potete visitare il sito ufficiale www.hffa.it all’interno del quale fugherete ogni dubbio!!

In questa occasione ho avuto l’onore di essere presente al fianco di professionisti del settore quali Valentino Odorico, Max Sortino, Josefine Englund e Amilcare Incalza i quali hanno spiegato, nei tempi messi a disposizione dall’organizzazione, in grandi linee in cosa sono specializzati e come si svolge il loro lavoro. Il titolo del seminario  ” Conoscere e comunicare la moda” ha fatto si che tutti coloro i quali ascoltassero le nostre testimonianze, potessero comprendere pienamente il processo comunicativo della moda dalla carta stampata al web..

Il primo ospite, Valentino Odorico nonchè fashion editor con un’esperienza trasversale nel mondo dei nuovi media tra cui televisione e importanti magazine come Runway e GQ Italia ci ha spiegato come funziona la comunicazione dell’off-line, sostanzialmente il funzionamento della comunicazione cartacea.

A seguire Max Sortino, famoso giornalista di Vogue.it ha spiegato come funziona una redazione web scendendo nei particolari dell’organizzazione quotidiana di Vogue…ha inoltre meticolosamente farcito tale esposizione con la propria testimonianza personale attraverso la quale ha raccontato come si svolge l’attività di un editor in periodi clou quali le varie fashion week, i press day, le presentazioni delle nuove collezioni etc….

Poi Josefin Englund ( nota stylist che ha collaborato con magazine del calibro de “L’Officiel Italia” e grandi fotografi ) attraverso l’ausilio delle immagini riguardanti la sua tipologia di lavoro ci ha illustrato sotto tutti gli aspetti come lavora un/a stylist, quali sono gli elementi perno e a chi si appoggia per l’uscita di un redazionale o di una copertina!!

Prima del mio intervento siamo stati letteralmente deliziati dall’intervento di Amilcare Incalza, un fotografo molto importante ma sinceramente penso che sia abbastanza riduttivo etichettarlo come tale perchè probabilmente il termine più appropriato per Amilcare sia essenzialmente ” Artista “…  con un tono di voce perfetto per catturare l’attenzione  della platea dinanzi a lui, ha fatto si che fossimo totalmente assorbiti dal suo intervento che ha visto un breve excursus della storia della fotografia fino ai giorni nostri, esplicando per il meglio il concetto di foto statica contrapposta a quella dinamica.

Il mio intervento conclude  un seminario in cui il filo conduttore è stata la comunicazione partendo dalla carta stampata fino alle nuove figure dei blogger/influencer. Con il mio intervento non ho fatto altro che cercare di spiegare in modo semplice come funziona un blog, le sue dinamiche, la parte positiva e la parte negativa ( in quanto come in tutte le cose, non vi è solo il lato positivo; diciamo che magari noi siamo bravi a far vedere solo quello ma in realtà vi sono molte cose negative ), i periodi più pesanti scanditi dalla presenza costante nei vari appuntamenti annuali e i periodi più leggeri; a ciò ho anche aggiunto delle considerazioni personali riguardo il fatto che è molto semplice aprire un blog ma allo stesso tempo è molto difficile riuscire a mantenerlo in vita…

So che per molte persone vi è una certa difficoltà e talvolta una totale riluttanza nei nostri confronti ma che piaccia o no , aimè o per fortuna, rivestiamo un ruolo ben preciso nell’attuale società che ne decreta fortemente la nostra esistenza.

Ci tengo a ringraziare tantissimo l’Accademia per avermi ospitato nel miglior modo auspicabile e estendere i miei ringraziamenti alla numerosa platea accorsa il giorno dell’evento.

 

Frank