frankgallucci
Blu
31 maggio 2016
frankgallucci pittiuomo90
Pitti uomo 90 day 1
28 giugno 2016

 

  • Large photos
  • Small photos

Photo by Bart Winter

Si, “old school” perchè il doppiopetto per quanto sia ritornato in voga rimane uno dei pezzi più correlati a ciò che il sistema chiama “old school” ; poi se a questo ci aggiungi il bianco e nero delle foto, il salto nel passato è praticamente fatto.

Un classico doppio-petto che si ritrova nei classici film italo-americani in cui purtroppo il denominatore comune era la mafia; i vecchi gangster amavano questa tipologia di abito con gessato soprattutto perchè (a mio avviso) dava loro un tono più impostato e rigido. Ovviamente per me non è così perchè lo indosso senza troppe pretese e senza strani pensieri nè tantomeno per voler emulare determinati personaggi che sono per fortuna molto lontani dal mio modo d’essere e di pensare. Tipologia di abito molto vista anche nei film tipicamente italiani dove illustri personaggi come Totò, Mastroianni, De Sica ne facevano un marchio di fabbrica. Chiaramente a distanza di anni sono cambiate un pochino le misure nel senso che anche gli abiti tendono essere più sciancrati e quindi tendono a seguire meglio le forme del corpo: i personaggi di cui sopra faccio menzione fanno parte di un’epoca in cui i volumi erano maggiori. Mi spiego meglio: se date uno sguardo a quei film vedete che sia le giacche che i pantaloni erano molto larghi rispetto a quelli odierni perchè si cercava di dare spazio all’eleganza mantenendo comunque una comodità massima. I pantaloni molto larghi, le giacche lunghe con la tromba manica molto ampia…

Beh devo dire che lo stile odierno cerca di ricalcare quell’eleganza seppur con dei volumi notevolmente diversi: le giacche molto più fittate e corte, i pantaloni più stretti e talvolta molto corti; chi può dire quale sia la migliore eleganza??? Diverse scuole di pensiero si scontrano..io penso che è difficile decretare quale sia migliore più che altro perchè quando si è in epoche diverse, le dinamiche sono altrettanto differenti.

 

Frank Gallucci

 

SalvaSalva

SalvaSalva