frankgallucci
Taglio vivo
5 dicembre 2016
frankgallucci placedelaconcordeparigi
Place de la Concorde
7 dicembre 2016
PIRELLICALENDAR2017 PARIS

 

 

 

 

  • Large photos
  • Small photos

Photo by ChillaxingRoad

 

Uno degli appuntamenti più importanti dell’anno va in scena a Parigi… quest’anno il patron Tronchetti Provera&co hanno scelto la capitale Francese per celebrare l’uscita del Calendario Pirelli 2017.

L’atmosfera elettrizzante durante le ore che anticipano la cena di Gala si palpa facilmente; i controlli che ci aspettano all’entrata sono alquanto seri ma ripensando a tutti gli accaduti intercorsi durante un solo anno solare qui a Parigi è più che comprensibile. Una marea di fotografi ad attendere gli ospiti d’eccezione sul red carpet…  Il dress code è tassativo: “black tie” per cui l’eleganza regna sovrana; le donne da cui siamo circondati sono stratosfericamente belle, tutte in abito da sera che sfoggiano al meglio la loro sensualità. Dall’altra parte, noi uomini in smoking cerchiamo di rivestire quanto più possibile i panni dell’agente segreto più famoso del mondo (è un lavoro sporco ma qualcuno e soprattutto qualche volta tocca pur farlo). Finalmente i tanto attesi ospiti giungono a destinazione: i padroni di casa Afef e marito Tronchetti Provera in testa, precedono Nicole Kidman, Uma Thurman, Helen Miller e l’autore di questi celebri scatti che rimarranno indelebili nel tempo, Peter Lindbergh  .

L’eleganza austera in total black di Marco Tronchetti Provera riflette una incredibile perfezione del suo smoking ma soprattutto un’incredibile meticolosità nelle sue proporzioni. Il fascino e la bellezza senza tempo di Afef, il carisma sconvolgente e a tratti palpabile di Uma Thurman, il magnetismo delle pupille di Nicole Kidman; si, esattamente questo il termine più adatto per descrivere lo sguardo della Kidman (mai visto una donna più bella fino ad ora). E poi infine, il maestro Peter Lindbergh, con il sorriso di colui che sa di avere gli occhi addosso, di colui che è conscio del blasone che si porta dietro ma comunque si pone sempre con ironia e umiltà; arriva sul red carpet con uno stile non convenzionale in quanto affianca allo smoking una maglietta blu e un cappellino beige con visiera perché solo i veri artisti sanno di poterselo permettere, anzi ciò li rende ancora più unici.

La serata è stata molto piacevole e si è trasformata in serata danzante al termine della cena.

Per l’occasione ho scelto uno smoking con reverse a scialle in midnight blue (è una tipologia di colore chiamato così perché è una via di mezzo tra il nero e il blu). Il pantalone presenta un taglio sartoriale con una pences e una vita abbastanza alta per cui ho evitato di indossare la fascia da smoking e gli preferito un papillon in velluto blu che potesse richiamare l’abito. Da non dimenticare mai i gemelli (meglio se neutri) e il fazzoletto di seta nel taschino della giacca: piccoli dettagli che non passano inosservati.

 

 

Frank Gallucci