frankgallucci mmfw17
MMFW Giugno 2017 Summerstyle
14 settembre 2017
frankgallucci
Beige su beige
28 settembre 2017
cantineantinori frankgallucci

 

  • Large photos
  • Small photos

 

Da fervente italiano non posso che essere contento del fatto che un’azienda così esclusivamente blasonata del calibro di  A.Lange & Sohne abbia scelto Firenze come città in cui poter celebrare il lancio dei suoi ultimi e pregiatissimi modelli. Il punto di partenza e ritrovo è il St Regis di Firenze, la cui eleganza ci ha fatto da culla per questi tre giorni scanditi da numerevoli esperienze volte ad enfatizzare l’artigianalità di cui è intrisa Firenze alla quale si collega l’estrema peculiarità manifatturiera del brand d’orologeria di matrice tedesca. Il primo giorno siamo stati suddivisi in gruppi per agevolare a livello logistico le varie visite ma il giorno centrale nonché di punta è stato il secondo giorno, dedicato alla visita delle famose cantine Antinori. La giornata estremamente piacevole e soprattutto interessante  ha messo in mostra la struttura organizzativa della famiglia Antinori che da ben 26 generazioni porta avanti questa tipologia di business. Abbiamo avuto la possibilità di inoltrarci all’interno delle cantine per capire da vicino il processo di vinificazione del “Chianti Classico” e non solo fino ad arrivare ad una saletta predisposta per la degustazione di quest’ultimo e del “Peppoli”. Durante la giornata è stato presentato in esclusiva mondiale il modello “1815 Rattrappente Perpetual Calendar” del quale ne sono stati prodotti in edizione limitata solo 20 pezzi il cui prezzo ammonta a circa 450.000 euro.

La giornata culmina con la cena di Gala in una location di tutto rispetto, Palazzo Gondi, dove un’atmosfera soave fa da cornice ad una serata elegantissima che parte con un tramonto mozzafiato con vista sui tetti di Firenze. All’interno della serata sono stati presentati anche altri modelli:

 

 

 

 

Si riparte il giorno, memore di un’esperienza fantastica con l’auspicio di lavorare con loro anche in futuro.

 

Frank Gallucci